LEJ FERIEHUS NÆR ROM I CORI :: ORTE

3 DEJLIGE FERIEBOLIGER ½ TIME FRA ROM

 
Lidt om alt i Cori Seværdigheder i Cori Byerne omkring Cori Find billigste billeje
Alle veje fører til Fotos fra Cori Castelli Romani Find fly til Rom
Cori gennem tiderne Tog- og buskøreplaner Tur i Abruzzo Gæstebog
Værd at se mod syd Steder i Rom Italienske madopskrifter Leje priser
Aktiviteter nær Cori Spiller du golf Hvem er udlejer Book/Reserver
 
 

 Se vores hus i Garibaldi             
Cori - lidt syd for Rom

 

 Se vores hus i San Filippo            
Cori - lidt syd for Rom   

 

 Se vores hus på pz. d'Erba           
Orte - lidt nord for Rom 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Velletri

Velletri er en by på 48.000 indbyggere ikke langt fra Cori. Der er en meget lang handelsgade, med masser af gode butikker: Tøj, sko til fornuftige priser. Et yderst interessant etrusker-museum og kunstmuseum.
 
Velletri, l'ultimo dei Castelli Romani raggiunto dalla via Appia, si adagia tra castagneti e vasti vigneti sulle falde del Monte Artemisio. Centro grande e popoloso, dalle antiche tradizioni e dalla storia millenaria, è famoso per le cantine e i vini prelibati. Di sicuro interesse i singoli monumenti medievali e le testimonianze dell'esperienza comunale visibili nel centro storico: La Porta Napoletana, sede di mostre ed esposizioni; la Torre del Trivio, il Palazzo dei Conservatori e la Piazza del Comune, posta al sommo dell'abitato, da dove una splendida vista arriva fino al mare ed alle Isole Ponziane.
A poca distanza del centro abitato si possono fare splendide escursioni, nel verde del Monte Artemisio, alle sorgenti di Turano, acqua "Donzella" e "Marcaccio". Nei Pratoni del Vivaro, famosi per la presenza del centro equestre federale del C.O.N.I., si allena la nazionale e si disputano importanti gare ippiche a livelli internazionale. Ottima è la gastronomia.
 
Venne conquistata dai Romani nel 494 a.C. e ne divenne ben presto una loro colonia; in seguito, per la sua fedeltà venne innalzata a "Municipium". Ben poco si sa del periodo medioevale, ma si è sicuri del fatto che fu tra le prime città a fregiarsi dell'Est Mihi libertas papalis ed imperialis (Mia è la libertà del Papa e dell'Impero) e a dotarsi di statuti autonomi.
Nel corso del XIV e XV secolo nuove epidemie deciamrono la popolazione a cui corrisposero le immigrazioni dal Castello dell'Algido che venne distrutto nel 1433 dai Velletram. Nei secoli XVI e XVII si ebbe uno sviluppo notevole che culminò nel XVIII secolo nello scontro tra Spagnoli e Austriaci (1744).
Sono di questo periodo personaggi famosi quali il Ven. Filippo Visi Francescano e Stefano Borgia. Il 1800 vide Velletri innalzato a capoluogo della provincia di Marittima (1832) e, pochi anni dopo, nel 1849, avvenne lo scontro tra Garibaldi e l'Esercito Borbonico presso le mura. Si ebbe, nel 1862, la costruzione della prima ferrovia che diede ulteriore prestigio alla città.

Torre del Trivio   

Cattedrale di San Clemente

Città in prov. di Roma, 40 km a SE del capoluogo, a 333 m sul versante sud-orientale dei Colli Albani; l'abitato si estende in bella posizione su uno sprone del monte Artemisio. Comune di 113,21 km2 con 48.000 abitanti; produzione di uva, ortaggi, frutta, olive, cereali e fiori; industrie alimentari, meccaniche, delle materie plastiche, del legno, dell'abbigliamento e dei materiali da costruzione. Sede vescovile. Velletri,fondata probabilmente dai Volsci, nel 338 a.C. divenne municipio romano. Fiorente in epoca imperiale, fu devastata dai Visigoti e dai Goti nel sec. V, poi conquistata dai Bizantini e passò infine alla Chiesa. Erettasi a libero comune nel sec. XIII, fu sottomessa da Roma nel secolo successivo. Nel 1849 vi fu uno scontro tra una colonna di volontari della Repubblica romana comandati da Garibaldi e le forze  borboniche del generale Lanza che fu costretto ad abbandonare il campo. Sotto la chiesa di S. Maria della Neve sono resti di un tempio volsco con lastre fittili del sec. VI a. C. Nei dintorni numerose ville romane. Da Velletri provengono una statua di Atena, oggi al Louvre, e un sarcofago di tipo asiatico con le Fatiche d'Ercole (al Museo Comunale di Velletri). La cattedrale risale al sec. IV, ma venne varie volte trasformata, da ultimo nel sec. XVIII; conserva all'interno varie opere d'arte, tra cui un ciborio cosmatesco (sec. XIII). Al centro dell'abitato sorge la caratteristica Torre del Trivio (1353),romanico-gotica, a corsi bianchi e neri. L'imponente Palazzo del Comune, di G. Della Porta (1573-90), è stato ricostruito dopo le distruzioni dell'ultima guerra; all'interno ha sede il Museo Comunale, con notevole materiale archeologico.
HOME

Vil du vide mere.....  så ring 8643 9000 -eller email@cori.dk

TOP

SITEMAP